Tramonto Falck

tramonto falck
Inizio:
1 December 2010
Dove:
Via Sardegna 3, Sesto San Giovanni, Milano, Italia

tramonto falckMercoledì 1 dicembre, alle ore 18:30, ci sarà la presentazione del romanzo TRAMONTO FALCK di Fabio Musati, che parla della realtà industriale di Sesto San Giovanni con ampi sconfinamenti nel mondo del writing milanese.

Chi ha deciso di dichiarare guerra ai muri? Quando? E, soprattutto, perché?
L’autore ne parla con l’Ingegner Antonio Rossini e il fotografo di street art Gianfranco Candida (Walls of Milano)
Con l’occasione la street artist Alessandra “Senso” Odoni esporrà alcuni suoi lavori e le illustrazioni presenti nel romanzo.

Tramonto Falck era il modo romantico con cui veniva chiamato quel curioso fenomeno di meteorologia industriale che rendeva Sesto una città marziana, dove nemmeno il cielo era uguale a quello delle altre città perché gli scarichi gassosi della Falck e della Breda di sera lo incendiavano con una serie di spumose strisce fucsia degradanti al rosa antico. – Fabio Musati

Link utili:
FABIO MUSATI: http://fabiomusati.blogspot.com/
TRAMONTO FALCK BLOG: http://tramontofalck.blogspot.com/
ALE SENSO: http://www.crazysen.it/
WALLS OF MILANO: http://www.flickr.com/photos/wallsofmilano/

Ti piace? Supportaci e condividi

Leggi i commenti (4)

  1. LucaSeil scrive:

    Personalmente credo che sarebbe stato più utile e interessante interpellare qualcuno di Sesto San Giovanni, piuttosto che di Milano. Invitare l’Amministrazione Comunale, che si è dimostrata straordinariamente aperta nei confronti della nostra cultura abbracciando una filosofia diametralmente opposta a quella di Milano.

    Mentre a Milano sono stati tolti muri a tutti per darli a pochi (magari pure immanicati), a Sesto oggi c’e’ spazio anche per il ragazzino che non ha mai preso in mano un colore.

    Il writing a Sesto ha una una sua propria storia fatta di persone che disegnano in strada da più di quindici anni… ecco, diciamo che mi avrebbe fatto piacere, se il libro deve parlare del writing di questa città, incontrare ANCHE loro.

    • Ale Senso scrive:

      Ciao Luca,
      intervengo senza nessun tono polemico, anche perchè francamente non mi interessa e anzi rispetto a quello che hai sottolineato mi trovi in parte d’accordo.
      Perciò sottolineo solo una cosa:

      questo è un “romanzo”, che tratta principalmente ma in chiave di “racconto” (basato cioè su una storia dell’autore) della realtà storica industriale delle Ex Acciaierie Falck di Sesto San Giovanni, non è nè un testo storico sui graffiti di Sesto nè di Milano, nè altro con tale finalità, tocca lievemente il fenomeno dei graffiti con un intreccio di storie e fatti tra milano – sesto – bergamo seguendo i personaggi di fantasia e solo leggendolo si può comprendere.
      Parlando in primis della Falck quindi, questa prima presentazione prende il via a Sesto per ovvi motivi.

      Poi, per la presentazione a sesto, ti dico io personalmente (da collega collega, spero tu non ti offenda, anche se non scrivo più da tempo) trovo molto interessante la tua proposta (lo è?) di interpellare qualche writer di Sesto San Giovanni affinchè ci racconti il suo punto di vista e anche di più.

      Non ti dico di più, anche perchè io non organizzo niente, ma come ho fatto io a mio tempo e come sempre quando le cose mi interessano e mi stanno a cuore, prendo l’iniziativa e contatto direttamente chi può dare voce al mio punto di vista, senza nessun immanicamento.

  2. Fabio Musati scrive:

    Grazie del tuo commento, Luca.
    Se ti riferisci al fatto che non è stato invitato un writer di Sesto le motivazione è semplice: io non ne conosco e ho invitato chi mi ha aperto la porta di questo mondo per me sconosciuto fino a due anni fa.
    L’amministrazione comunale di Sesto la inviteremo, certo, ma ti faccio presente di aver presentato il mio progetto all’assessore alla cultura di Sesto, ma di non essere stato per nulla ascoltato.
    Dunque, come sempre, una cosa sono le questioni di principio, un’altra quelle di fatto.
    Per tua informazione, come potrai leggere se ne avrai voglia e tempo, la città di Milano non ne esce affatto bene dal mio romanzo, come è giusto che sia, visto coem si comporta con voi.
    Grazie ancora per l’interessamento. Ti vedrò volentieri a Sesto per parlarne se hai tempo e voglia.

  3. monica scrive:

    Probabilmente la mia domanda non c’entra molto, ma, magari visto che siamo in tema FALCK ci provo lo stesso, il mio ragazzo è nato al villaggio falck e stò cercando disperatamente un libro che racconti un pò la storia della Falck illustrato con qualche foto dell’epoca ma neanche le librerie sembrano averlo, qualcuno sa dirmi dove posso documentarmi?? Grazie !!

Replica al commento si Ale Senso Cancel reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>