La forma delle reti – Street Art al Museo della Scienza

sea_street_44
Inizio:
12 July 2010
Fine:
29 August 2010
Prezzo:
Gratuito
Locale:
Museo della Scienza e della Tecnologia
Dove:
Via S. Vittore 21, Milano, MI, Italia, 20123

In occasione dell’inaugurazione partirà una maratona di 24 ore, per la realizzazione di un enorme graffito nel chiostro cinquecentesco del Museo. Museo, sì, quello della Scienza e della Tecnologia di Milano, che per tutta l’estate apre le sue porte alla Street Art per la mostra La forma delle reti.
Tema della mostra è appunto il concetto di rete, fondamentale nella storia e nell’attualità della tecnologia. Con un progetto che prevede che gli artisti, nella fase di ideazione delle opere, vivano in prima persona il Museo e incontrino il suo staff per tradurre e declinare insieme il tema della mostra.
Circa quaranta le opere realizzate su supporti di materiale diverso, da alcuni dei nomi più noto in Italia fra i writers, riuniti nell’Associazione Stradedarts, da Airone ad Atomo, Gatto Nero, Flycat, KayOne, Mambo, Rendo, Senso, Sea Creative, Tawa, El Gato Chimney, Ericsone, Vire, Raptuz, Mr. Wany, Schiavon, Leo, Max Gatto.

Cos’è Stradedarts?
Il progetto Stradedarts nasce come evento e mostra d’arte dall’esperienza decennale nel mondo della cultura urbana legata ai Graffiti e alla Street Art dei fondatori Alessandro e Marco Mantovani di Milano. Ogni evento prevede la partecipazione dei più importanti esponenti italiani del fenomeno dei Graffiti e della Street Art impegnati in esposizioni collettive e personali, fiere d’arte o istituzionali con esibizioni dal vivo, esposizione di quadri, sculture e installazioni. Stradedarts rappresenta un momento di contatto tra il pubblico, gli artisti e le gallerie d’arte interessate all’arte contemporanea e alla Street Art, che genera contatti e collaborazioni, nella prospettiva di curare gli interessi degli artisti.

Stradedarts, a differenza di molte gallerie nazionali che trattano Street Art, promuove e investe unicamente su importanti artisti italiani e non su artisti internazionali di fama già acquisita e di certa rendita commerciale.

Ti piace? Supportaci e condividi

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>